DUECENTOSETTANTA GRADI

Un volto di una donna rilassato, tranquillo; il contesto è naturale, una villa, voci, terra, alberi e cielo.
Poco a poco il paesaggio scorre dietro al volto, è la donna che si muove o è lo sfondo sul retro?
Dopo aver attraversato gli alberi, la donna “atterra” di nuovo sul prato ma ormai il mondo è capovolto e il viso completamente deformato.
Questo video affida alla forza di gravità la possibilità di rivelare quella che è la nostra identità più inconscia e segreta, cambiando semplicemente il punto di vista.