Ca maronn c’accumpagn

Lancio di due grandi dadi da gioco sul piazzale del Quirinale,
Roma, giovedì 4 aprile 2013, ore 19.00

Sono giorni immobili di sospensione e di vuoto, di attese che precedono forse un evento,
un’improbabile svolta. Sono i giorni della tragicomica empasse politica, dello stallo e
dell’impotenza istituzionale che, degenerando, arriva a trasformarsi in gioco
scaramantico, in consultazione metafisica, astrale.
E allora affidiamoci al fato, aggrappandoci disperatamente alla sorte perchè la situazione
politica italiana non ha più logica, non segue una direzione e soprattutto non ha più punti
di riferimento.
L’Italia, un rebus senza soluzione dell’ultima pagina, abbandonata a se stessa (e con lei il
Presidente “Partenopeo” della Repubblica che “lancia” i saggi) confida nelle probabilità e
spera nei dadi, delegando alla fortuna lo sblocco fatalista della situazione.
Nella generale indecifrabilità di questo periodo, compresa quella meteorologica, l’uscita di
emergenza, la via di fuga, paradossalmente, potrebbe essere proprio quella di lasciare
spazio alla casualità del destino che forse riuscirebbe meglio di tanta strategia politica!
A questo punto anche a noi non resta che affidarci alla cabala, alla follia, guardare il cielo
e lanciare i dadi supplicando: “ca Maronn c’accumpagn”!